Il crowdfunding è adatto alle imprese artigiane?

Abbiamo chiesto a Lorenzo D’Amelio, innovation strategist dell’agenzia Btrees ed esperto di crowdfunding, se questa moderna modalità di reperimento fondi, possa essere valida ed utilizzabile anche dalle realtà più piccole e tradizionali.

1) Ciao Lorenzo! C’è​ ​una​ ​visione​ ​del​ ​crowdfunding​ ​legata​ ​solo​ ​a​ ​prototipi​ ​di​ ​prodotti​ ​ipertecnologici. Esiste​ ​invece​ ​una​ ​potenziale​ ​di​ ​sviluppo​ ​di​ ​questo​ ​mercato​ ​anche​ ​per​ ​i​ ​prodotti​ ​più tradizionali?

Ciao a tutti e grazie per l’opportunità di far conoscere meglio questo argomento.

Il crowdfunding è sicuramente un’opportunità per diverse realtà. Non solo per le startup innovative.

In Italia c’è un mercato del valore di oltre 90 milioni di euro riguardante questo settore, che è in continua crescita.

Si tratta in sintesi di uno strumento. Il vantaggio di creare una “pre-vendita” online secondo questa modalità, è maggiore per quelle realtà che parlano ad un pubblico tecnologicamente avanzato in quanto tendenzialmente queste persone sanno usare il mezzo Internet più agevolmente.
Detto ciò la differenza nel successo o meno di una campagna crowdfunding 
è data dall’impostazione della stessa, quindi dipende sostanzialmente da 3 cose:
1) tipologia e qualità del proprio prodotto;

ExPi On The Road

Cos’è ExPi on the Road”?

È una rubrica video con l’obiettivo di raccontare in maniera moderna e vivace le attività imprenditoriali tipiche del territorio piemontese.

Non c’è modo migliore per descriverla se non facendovi vedere la nostra puntata zero.

Il nettare de “la Badina”

Una cascina seicentesca senza una strada con cui arrivarci. Solo campi e vegetazione.

Nasce cosi la sfida dell’azienda vitivinicola “La Badina” ( sito), nel 1999, con Ermidio, il padre di famiglia che decide di intraprendere una nuova via, fatta di contatto con la natura, cura dei dettagli e legame col territorio.

La penna noir di Federico Mosso

Una piacevole intervista per presentarvi un giovane scrittore piemontese, moncalierese per la precisione, che in questo periodo sta promuovendo l’uscita del suo nuovo libro “Italica Noir”.
Abbiamo conosciuto Federico attraverso il blog online Tagli -di cui è collaboratore- e siamo subito rimasti stupiti dalla sua capacità di raccontare la cronaca noir facendo rimanere il lettore incollato allo schermo del pc e dalla sua capacità di far entrare chi legge dentro il racconto.
Doti che solo gli scrittori più navigati solitamente hanno.